Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted on 16 aprile 2013 in Sicurezza | 0 comments

Protezione di un sito web tramite htaccess – 5G Blacklist 2013

Protezione di un sito web tramite htaccess – 5G Blacklist 2013

Già in passato questo blog ha trattato temi legati alla sicurezza dei siti web. Abbiamo parlato di protezione dall’hotlink delle risorse, di come proteggersi dai crawler e di modifiche al file .htaccess in modo da tagliare fuori tutto il traffico “maligno”.

Proprio in tema di htaccess, vi ho parlato della 5G Blacklist 2012 creata dal gestore del blog PerishablePress. Ecco che, a distanza di un anno, vi presento la 5G Blacklist 2013, aggiornata con tutte le piu’ recenti modifiche.

Cosa fa la Blacklist

La 5G è un set semplice e flessibile di direttive .htaccess che verificano tutte le richieste verso il web server e si occupano delle eventuali contromisure immediate, senza appesantire il carico del web server stesso, permettendoci quindi di risparmiare una grande quantità di banda e di risorse.

Come si usa

Installare la blacklist è relativamente semplice. Sarà sufficiente aggiungere il codice necessario in fondo al proprio file .htaccess

ATTENZIONE: la modifica di .htaccess, se fatta da persone non esperte e non particolarmente attente, può generare molti problemi al vostro sito WordPress, fino a renderlo inaccessibile. Assicuratevi quindi di fare SEMPRE una copia di sicurezza di .htaccess prima di cominciare le modifiche

Aprite il vostro file .htaccess ed in coda aggiungete il seguente codice:

La blacklist funziona egregiamente ma, come detto, invito solo chi sa effettivamente cosa sta facendo ad applicarla al proprio sito. Per ogni ulteriore dettaglio potete collegarvi al sito dell’autore.

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!