Menu pagine
TwitterRssFacebook
Menu Categorie

Scritto il 15 settembre 2011 in World Wide Web | 0 commenti

Le novità di Facebook in fatto di privacy sulle foto

Le novità di Facebook in fatto di privacy sulle foto

Fino a pochi giorni fa se creavi una galleria di foto e “taggavi” al suo interno alcuni amici (presenti nei tuoi contatti), tali foto comparivano in bacheca e nello streaming solo agli amici in comune tra te e il “taggato”. Questi amici comuni potevano sia commentare, che apporre il classico “mi piace”.

Parafrasando il famoso spot Apple, invece, da qualche giorno tutto è cambiato. Di nuovo.

Ora se tagghi un amico in una tua galleria (anche se la restrizione di visualizzazione é “Solo Amici”), le foto relative saranno immediatamente visibili sulla sua bacheca, ed immediatamente commentabili da TUTTI i suoi contatti. Questo è il motivo per cui Facebook ha inserito la moderazione del “tag” in ingresso, sia per le foto che per i post. (attivabile qui). Se non attivate il controllo tag (che vi consente di rifiutare per ogni foto o post questa nuova caratteristica) di default le immagini nelle quali verrete taggati diventeranno in qualche modo meno private.

Cosa cambia ?

Cambia parecchio, poichè adesso la privacy delle vostre foto non è più molto controllabile. Una volta che avete taggato qualcuno (o accettato di farvi taggare in una immagine) TUTTI i contatti reciproci potranno vedere, commentare (e salvare sul proprio pc) quelle foto.

Esempio : se prima taggavi tre amici in una foto, l’immagine era visibile solo ai contatti comuni e ai tre amici. (ipotizziano 20)

Ora la stessa foto è visibile (e commentabile) dalla somma di tutti i contatti di tutti i gli tre amici. Quindi una foto che vi ritrae in un momento imbarazzante, magari destinata a pochi ristretti facciamici è ora in pratica visibile a una grandissima fetta di mondo.. (ipotizziamo mille amici a testa, moltiplicato 3 = 3000 Facebook friends).

Poichè nessuno di noi è in grado di sapere esattamente CHI ha nei contatti per davvero, e chi si celi dietro a quel simpatico avatar con la faccia di un puffo, il rischio di furto di identità, o di ritrovare le proprie foto in aree “sconvenienti” del web, o semplicemente inopportune, è ora ancor più elevato di quanto non fosse prima.

L’alternativa per proteggersi?

Al momento (se non cambieranno l’approccio sopra descritto) è solo quella di NON taggare nessuno e non taggarsi nelle foto. In questo modo soltanto i contatti che hanno accesso alle vostre foto possono vedere e commentare le immagini.

Diversamente le vostre foto e quelle dei vostri amici saranno alla mercé  praticamente di chiunque

Via | PocaCola Blog

468 ad

Google+